Enrico Zennaro alla Barcolana a bordo di Maxi Jena

Notizie

Maxi Jena, l’imbarcazione lunga 25 metri dell’olimpionico sloveno Mitja Kosmina, disegnata dal progettista Andrej Justin, si sta allenando in queste settimane nelle acque di casa, dopo l’importante refitting ricevuto nei cantieri del Marina Hannibal, da quali è uscita alleggerita e con un bompresso maggiorato, che ne ha allungato la livrea.

Per la Barcolana, Maxi Jena – che regaterà sotto il guidone dello Yacht Club Hannibal – metterà in campo venti talenti italiani e sloveni, tra i quali alcuni membri dello YCH, da Loris Plet, a bordo con il ruolo di navigatore e randista, Stefano Visentin e Marco Perla bowman, Federico dal Zompo tailer e Andrea Barberis pitman.

Il campione veneto Enrico Zennaro sarà randista e tattico, mentre sul fronte sloveno ci saranno fuoriclasse quali lo stesso Mitja Kosmina al timone, l’olimpionico Finn ad Atene e Pechino, Vincec Gasper tattico e team manager, il progettista Andrej Justin e Hinko Golias alle volanti, l’olimpionico 470 Tomaz Copi tailer.

Completeranno l’equipaggio di Maxi Jena Marco Furlan, “Lucio”, Mirko Sardoc, “Boro”, Romano Foggia, Massimo Hrovatin, Diego Ieresettig, Marco Steffè e Rok Poropat.

Maxi Jena e’ stata varata nel 2002 – ci spiega Enrico Zennaro – ed io ho già partecipato con questa imbarcazione a 9 edizioni della Barcolana giungendo 8 volte al secondo posto e vincendo l’edizione del 2009. Nei mesi scorsi Maxi Jena ha subito un importante intervento di messa a punto cambiando il sistema che permette alla chiglia di basculare da un lato all’altro, alleggerendo lo scafo di 2000 kg, acquistando alcune nuove vele, montando un nuovo bompresso più lungo e riverniciando lo scafo in royal blu. L’intervento e’ stato talmente importante che qualcuno la ha battezzata la New Maxi Jena”.

Il mio ruolo –  continua Zennaro – sarà il randista per le regate a Trieste e probabilmente tattico per le regate a Venezia.  Nelle ultime 2 edizioni della Barcolana ho navigato sui multiscafi ma quest’anno gli organizzatori hanno deciso di non fare regatare i catamarani per paura potesse succedere qualche incidente come successo a luglio sul lago di Garda quando il GC32 di Pierre Casiraghi ha speronato il gommone del famoso fotografo Carlo Borlenghi. Tornare nel team di Maxi Jena sarà per me come tornare a casa in quanto porto con me sempre degli ottimi ricordi non solo sportivi ma anche umani delle giornate che ho passato a Capodistria per preparare le varie Barcolane.  Non vedo l’ora di iniziare e di fare un’ottima prestazione consapevole che molto dipenderà dal fatto se sarà presente o meno l’imbarcazione Shockwave che è un imbarcazione praticamente gemella a quella che ha vinto l’edizione 2015 della Barcolana sotto il nome di Robertissima.  Le voci a riguardo sono contrastanti ma io sotto sotto spero Shockwave riesca ad arrivare a Trieste e di giocarcela in mare come è giusto che sia.”

Maxi Jena, il cui equipaggio verrà presentato ufficialmente il sei ottobre, parteciperà  alla Portopiccolo Maxi Race, al Trofeo Bernetti, alla Barcolana, alla Venice Hospitality Challenge ed alla Veleziana.

, , , ,